Menu

Sport

  • Scritto da mentore

Lo sport rappresenta uno dei momenti di aggregazione più intensi e più importanti, senza contare l'importanza di un buon allenamento fisico.

La massima espressione dello sport locale è rappresentata dal calcio, ma anche ciclismo e altre attività sportive sono tenute in alta considerazione.

 

Un po di storia (a cura di Federico Barbieri)

Doveroso invocare l'aiuto della memoria, anche per dar smalto a quanti hanno pioneristicamente avviato la pratica amatoriale dello sport nella nostra comunità.

Sport..calcio in questo caso.

I ricordi portano agli anni '60, quando l'unico spazio per rincorrere e dare calci ad un pallone di cuoio (vero cuoio..) era il piazzale che ora ha nome "Piazza Kennedy": rigorosamente in manto di brecciolino....!

I nomi?

Pietro Troisi, Franco Troisi, Giovanni D'Amato, Pescatore Alfonso, Luciano Iachetti, Felice Rauzzino, Sandro Guadagni, Alfonso D'Amato, Vincenzo Celli che vent'anni tanta parte ebbe nel far rinascere la voglia di calcio a Paternopoli.

A seguire le loro orme, Marcello Tecce, Sergio Losco, Vittorio Barbieri, Pasqualino Pescatore, Vincenzo Pasquino, Mario Sandoli, Arnaldo Oliva, Adamo Rosanio, Tommaso Russo, il compianto Andrea De Silverio, Vincenzo Spagnuolo, Angelo Liberto (portiere), Gerardo Modestino insieme a Roberto Colantuono e Blasi quali dirigenti.

A loro il merito di aver posto le basi seppur minima organizzazione che consentì la partecipazione a campionati provinciali. Le gare per ovvie ragioni si svolgevano nella struttura di Piazza d'Armi in Avellino, lo stadio dell'Avellino 1912....(da quest'anno iscritta al torneo di Serie D).

La memoria riconosce merito alle successive generazioni, a Palermo Pietro (polacco), Raffaele Garofalo (il compianto Dosa), Antonio D'Amato (pacione), Antonio De Silverio, Silvio D'Amato, Pasqualino Di Pietro, Giovanni Palmieri, Garofano Giuseppe "dosa"......

Per loro lo spazio era circoscritto al piazzale di roccia dell'ex Santuario di Maria SS. della Consolazione; la manutenzione del "campo" consisteva nell'asportare le pietre sporgenti...!

Quanto entusiasmo per l'unico diversivo al quotidiano !!!

La mancanza di spazi attrezzati condiziona in parte l'attività sportiva. Per giocare il "calcio" bastava uno spiazzo, pali per le porte ed un pallone.

La generazione più "sfortunata" (nessuno intravide un percorso sportivo ..) è la successiva...Michele Barbieri (portiere), Michele Palmieri, Florindo Morsa, i fratelli Giusto Antonio e Felice, Salvatore Di Pietro, Luigi Perillo, Nunzio Zollo, Federico Barbieri, Generoso Cresta ('55). Orlando Balestra. Nessun campionato ma solo "sfide" con paesi viciniori.

Davano i primi calci i giovani Pasquale Iannuzzo, Felice Modestino, Pietro Grasso, Carmine Guerriero, Antonio Cresta (portiere), Giovanni Volpe, Palmieri Rocco detto Franco, il fratello Luigi Palmieri, Franco "raschetto"..poi Giuseppe Brogna, Rino Saldutti (portiere), Raffaele Troisi, che costituiranno l'ossatura della squadra che partecipò al campionato di terza categoria (vincendolo) ed a quello di seconda negli anni dopo post terremoto.

Gli anni '77-'80 vedono ampliare lo spazio disponibile ed ecco il "campo" di Via Giardino ed ecco rinascere la Polisportiva Paternopoli grazie a Vittorio Barbieri, Gerardo Colantuono, Angelo Lo Vuolo, Nicola Caporizzo, il compianto Giovanni Mele. Si operano i primi acquisti di calciatori "forestieri".

Si ricordano i fratelli Gioino, Lionetti, Cucciniello (portiere), Siano, Matarazzo. Rossano da S.Mango sul Calore.

In quegli anni i tornei estivi intercomunali erano veri e propri campionati...Uno di questi vide la partecipazione da "comparsa" di Nando de Napoli che sarebbe approdato dopo qualche anno alla Nazionale maggiore.

Il sisma dell''80 mise la parola fine a questa gloriosa galoppata. Il "campo" da calcio non offriva condizioni ottimali e lo sport venne sovrastato dall'immane dolore di quel 23 novembre.

Nell'anno 1986, pochi "sventati" intesero riaprire il baule dei ricordi ed elemosinando nel paese misero su una compagine di ragazzini imberbi, impauriti ed entusiasti.

Meritano citazione Carmine Bagaglia, il compianto Gennaro Petruzzo, Mario Petruzzo, Generoso Cresta ('55), Antonio Cresta, Federico Barbieri, poi Raffaele Restaino.

I calciatori: Antonio Zucaro (portiere), Silvio Natale, Ernesto Melfitano, Edmeo Barbieri (una sola gara...), Claudio Balestra, Generoso Cresta ('68) Carmine Guerriero, Eugenio Grasso, Nando Barbieri, Gerardo Cresta, Orlando Balestra, Giuseppe Morsa; poi Tonino Cresta, Pietro Guerriero, Lorenzo Ferrara, Geppino Natale, Mauro Lapio, Giuseppe Tecce, Rino Lapio, Raffaele Melfitano, Antonio Palmieri, Roberto Storti, Carmelo Iorio, Efisio Rauzzino, Nicola Aliasi, Antonio Morsa ed il fratello Giuseppe (portiere).  A guidarli c'era Federico Barbieri. Capaci di ben figurare in terza categoria ed in seconda, divenendo famosa come "il Milan di Sacchi"...!.

Dal 1987-1988 ebbe inizio l'embrione del "settore giovanile" che ha fornito elementi alla prima squadra, di questo va dato atto a Orlando Balestra unitamente a Gildo Sica, Efisio Rauzzino.

La Polisportiva Paternopoli fu costretta ad emigrare, ancora verso strutture limitrofe..per lungo tempo a Castelfranci. Quando gli sforzi economici divennero insostenibili, lo sport calcio ritornò nell'oblio.

Per essere ridestato dopo qualche anno...e vedere la Polisportiva Paternopoli vincere di nuovo il campionato di seconda categoria!!

La partecipazione al campionato superiore fu mera esperienza.  Si giunge cosi agli anni 2002-2003.

Giuseppe D'Amato, Giuseppe Barbieri, Antonio Morsa, Vincenzo Damiano, Luigi Barbieri, Luigi Perillo, Evarista De Prisco, Antonio Troisi, Pasquale Zucaro, Massimiliano Ventruto, Carmine Boccella rimettono in piedi l'organizzazione coinvolgendo l'entusiasta Dr. Gaetano Cotticelli. E riparte l'avventura dei "grilli"...!

Francesco Palmieri (portiere), Marco D'Aveta, Antonio Grasso, Marco e Luca Caprio, Giuseppe Cresta, Luigi Barbieri '85, Antonello Garofano, Angelo Balestra, Gianni Gelsomino, Antonio Lo Vuolo, Gerardo Prizio, Davide Cresta, Mauro Lapio, Luigi Barbieri '89, Stanislao Granitto, Giuseppe Scala (portiere), Sabino Perillo (portiere), Cresta Massimo, Angelo D'Amato, Antonio Palmieri, Antonio Zucaro (portiere), Attilio Lo Vuolo, Carmine Barbaro, Lorenzo Spagnuolo, Rocco Storti, Gerardo Cresta, Luigi Meriano, Gianluca Cristiano

Accanto all'impegno dedicato prima squadra va rimarcato quello relativo alla squadra B militante in terza categoria che di volta in volta ha fornito ricambi validi.

Ed ecco i gloriosi colori dei grilli giungere vittoriosi nel campionato di terza categoria ed in seguito, giugno 2005 in quello di seconda.. A guidarli Generoso Cresta supportato da Antonio Cresta.

Da quattro anni la Polisportiva ben figura nel campionato di prima categoria. Rinverdendo i fasti della prima categoria degli anni '80.

Il ringraziamento di cuore a tutti coloro che negli anni hanno speso sudore, entusiasmo e delusione con la casacca di Paternopoli. A chi non vede il proprio nome trascritto vanno le mie scuse: l'errore eventuale è soltanto della mia memoria. A tutti un grosso plauso.