Menu
A+ A A-

Quale sviluppo per la valle del Calore e Fredane?

QUALE SVILUPPO PER LA VALLE DEL CALORE E DEL FREDANE ???

LA NS. AMMINISTRAZIONE COMUNALE E' STATA SEMPRE ASSENTE !!!

 

Cari Paternesi,

Sono da molti anni che si sta studiando il collegamento della rete autostradale Tirrenica con quella Adriatica ma mai nessuno vi aveva posto mano. Grandi opportunità per il nostro entroterra Irpino. L'attuale governo si è impegnato a realizzare questa grande opera.

E' stata data in appalto il tratto di strada tra Lioni e Grottaminarda. In modo tale che si terminerà dopo circa 30 anni la bretella che parte da Contursi. I lavori, che inizieranno nel mese di MARZO 2009, sono stati già appaltati ad un Consorzio Romano. La spesa è di: QUATTROCENTOSESSANTAMILIONI di €uro. Si tratta di fondi ex l. 219/81 ancora non spesi, come si può ben intendere! Altre amministrazioni si sono interessate e preoccupate di far passare tale importante strada per il loro Comune e ci sono riuscite con grandi vantaggi per lo sviluppo delle loro comunità!

La ns. zona è interessata per il tratto che porta al centro industriale di S. Mango S.C. / Luogosano. Quindi si deve collegare il tratto provinciale alla bretella Contursi / Grottaminarda che passa anche attraverso il territorio di Gesualdo. Per cui sarà appaltato nel mese di novembre 2008 un lotto tra il famoso ponte interrotto fino al bivio di Paternopoli (zona della Rondinella). Mentre l'ulteriore tratto definitivo tra Paternopoli e il collegamento con Grottaminarda andrà in appalto nell'anno 2009.

Come potete ben comprendere non si parla di collegamento con il ns. centro urbano. Mentre l'Amministrazione comunale, capeggiata dal Sindaco Duilio Raffaele Barbieri, nulla ha fatto. Ma è stata molto sensibile a portarci residui dei processi industriali della Valle del Calore senza alcun bisogno e causando notevoli danni per il territorio e non dando vantaggi economici e sociali per il paese.

La capacità amministrativa di tali personaggi è quella di farci rimanere sempre più isolati e far in modo che il nostro comune passasse per la gestione peggiore dell'intera penisola anche a fronte della cattiva gestione del dissesto finanziario da loro voluto. Perciò occorre una mobilitazione di tutti ed in modo particolare l'Amministrazione Comunale non si renda anonima, insensibile ed inattiva, per non dire altro, per far costruire un collegamento con questo importante condotto viario. Come è successo per la strada della fondo valle del Fredane che porta alle terme di Villamaina, senza far prevedere, né lasciare uno svincolo per raggiungere Paternopoli.

Non bisogna perdere questa grande occasione di sviluppo che insieme alla rimeditazione, sarebbe meglio dire meditazione visto che è assente, del "Piano Urbanistico Comunale". Anche in questo caso rilanciamo un secondo tavolo di concertazione con tutte le realtà politiche, sociali, economiche e professionali esistenti sul territorio.

A tal proposito siamo sempre in attesa della risposta di un primo tavolo di concertazione per il Piano Insediamento Produttivo che abbiamo chiesto da diverso tempo all'Ill.ma Amministrazione Comunale. Ma essa pensa che la cosa pubblica è cosa privata. Trascurando il principio della democrazia senza far partecipare il cittadino alla gestione dell'Ente Comunale!

Se ancora questa Amministrazione non fosse disponibile a rispettare la democrazia, l'unica cosa che dovrebbe è un atto coraggioso e di responsabilità: di andare a casa!!!

Il ns. movimento politico a breve organizzerà un convegno / dibattito su queste tematiche con l'augurio che le forze politiche, le forze economiche, le associazioni, gli amministratori e quant'altri si ritengano sensibili alle stesse, collaboreranno per la loro attuazione!

 

Egregi amministratori "svegliatevi!!!" e non pensate al solo mantenimento del potere.

 

Paternopoli, addì 27 ottobre 2008.

 

Coordimamento Foza Italia

di Paternopoli