Menu
A+ A A-

Capitolo 13 - Istituzione di un’altra festività in onore di Maria S.S. della Consolazione

Per grazia dell’Altissimo Dio, giammai contenti questi fortu­nati Cittadini, anzi ardentemente desiderosi di vedere sempre più glorificata, ed onorata la loro pietosa Regina, per le larghe ed im­mense beneficenze, che ella. continuamente dispensa a chi con viva fede e con fiducia, implora il suo soccorso, e non potendo essi in altro modo mostrare la loro gratitudine, ed affetto, come anche lo zelo di ampliare, e magnificare la gloria della loro Pro­tettrice amorosa, hanno cercato di celebrare un’altra festività in suo onore, a dì 16 Aprile, giorno questo per noi memorabile, e celebre pel primo miracolo operato dalla nostra Madre Benefat­trice a pro dell’anzidetto cieco Giovanni Battista d’Amato. Festa questa non inferiore all’altra, che si celebra nel Triduo di Pente­coste, ma tutta di devozione, e di pietà; mentre i fedeli quasi inteneriti e commossi dalla memoria di quel primo prodigio della Madre di Dico non sono intenti ad altro in tal giorno che alla santificazione delle anime loro, con munirsi dei S. Sacramenti, as­sistere à divini uffici, ed onorare, e venerare col maggiore osse­quio, e devozione la loro Madre Consolatrice.

Spero, che mediante il divino aiuto, voglian gli animi di que­sti affettuosi Cittadini, e Forestieri ancora infervorarsi vieppiù, e continuare per sempre la tenera devozione per questa divina Madre loro Benefattrice, onde tutti possano per sempre godere della sua materna speciale assistenza, e così raccogliere, percepire, e provare i dolci ubertosi fruttai, della sua potente Protezione.

Dal 1950 viene pubblicato periodicamente un Bollettino del Santuario con notizie religiose e civili per opportuno collegamento con i devoti sparsi in diverse terre ed in particolare negli Stati Uniti d’America.

Nella immediata periferia del paese è in avanzata costruzione una « Casa del Santuario » destinata ad opere assistenziali e ad ospitare i pellegrini.