Menu
A+ A A-

Capitolo 6 - Miracoli di Maria S.S. della Consolazione

Non deve recar meraviglia se è stata sempre grande la descrit­ta frequenza dei popoli che sono concorsi a venerare questa Sagra­tissima Immagine; non essendo mosso da curiosa vanità nei d’altro vano, e leggiero motivo, ma da l’obbligo assolutamente o di rende­re per i favori ottenuti le debite grazie, o di venire ad implorare nei suoi bisogni, e gravi afflizioni, aiuto, e soccorso, poichè la divinis­sima Madre a chiunque con fiducia, e viva fede è ricorso al suo pietoso Patrocinio ha le sue grazie, ed i suoi favori largamente do­nati, e compartiti.

Nei possono affatto esporsi, e spiegarsi i prodigi numerosi in ogni tempo della nostra Vergine comune Madre pietosa operati a pro dei miseri, e disperati. Chi può numerare le tante infermità da Lei guarite? Chi le piaghe incancrenite, e pericolose, le febbri più maligne, ed acute? I dolori più gravi, e spasimanti? quanti ciechi hanno goduto la bella luce? quante lingue inceppate hanno ottenuta ‘la loquela? quanti storpi si sono raddrizzati? e quanti anche da spi­riti infernali oppressi, ed afflitti, trascinati avanti di questa Sacra Immagine sono stati dalle fiere diaboliche molestie perfettamente liberati? Nei di tutti i miracoli in diversi luoghi, ed in diverse oc­casioni operati, se ne ha piena, e distinta notizia, e pochi ne sono stati scritti, e registrati, parte se n’incolpa la trascuraggine, e par­te perché di tanti guariti ignorandosene i nomi, e le patrie, appe­na una informe, e confusa memoria ne fu segnata e descritta.

Potrei anch’io qui riportarne una lunga serie di cui sono stato testimonio oculare, e ne conservo notamento; ma mi restringo a tra­scrivere solamente quei prodigi dei quali ne formarono l’attesta­to (come si legge presso gli atti pubblici del Notar Nicolò di Rien­zo) nel 1770 il Santo Arciprete di quel tempo, D. Tommaso di Mat­tia, e diciannove Sacerdoti che componevano l’intero Clero della sopradetta Chiesa; e se ne compilò il processo spedito in Roma per l’incoronazione della Beatissima Vergine. Come anche descri­verò parte dei miracoli operati nel giorno della sua Incoronazione, e nei tempi posteriori, di cui se ne conservano i veridici attestati formati da persone qualificate.