Menu
A+ A A-

Musiche, Substrato Sonoro

Lo Pastore

Facci Regina 
Dedicato ad una Donna

Apò, Apò, Apò

Maritete Figliola
Serenata
La Frascaiola
La Scalella

Pampanella

substratosonoro_copertina

substratosonoro_retro

 


Musica e ambiente


L'attuale interesse per la questione ambientale ha dilatato l'area semantica del termine fino a comprendere gli aspetti psicologici della convivenza umana e dell'orgaminazione sociale di un passalo non troppo lontano.

Si spiega quindi perché, a seconda del problema specifico che viene affrontato o discussso, una elementare coscienza storica porta ad escludere che l'uomo voglia dedicarsi al recupero di tradizioni noti sempre desiderabili se non, forse, nell'ottica della nostalgia.
In questa direzione si è messo l'Istituto cumprensivo "de Jorio" di Paternopoli per individuare il suo ruolo il suo spazio nel rifondare la coscienza dell'uomo con l'ambiente, come imprescindibile componente della maturazione e formazione della persona.
E il progetto "Substrato Sonoro" ne è stato il mezzo. La rivisitazione delle tradizioni popolari di alcuni paesi irpini, attraverso significativi canti ed affascinanti elaborazioni e arrangiamenti musicali, è stata concepita come un itinerario storico-sociale che ha portato a cogliere il valore dell'esistenza umana trasmessa da un animo gentile.La maestria della direzione artistica del prof. Antonio Suelzu, coadiuvato da non meno eccellenti strumentisti, l'innata ed appassionati predisposizione di alcuni allievi dell'istituto, hanno dato un tocco di particolarità all'opera che, tuttavia, ha conservato le caratteristiche originarie.
È un motivo di orgoglio mio e di tutta la scuola per quanto è stato realizzato e per questo il ringrazio di cuore tutti i protagonisti. Così come un ringraziamento va a chi vi ha contribuito in modo più tangibile: all'Amministrazione Conmmde di Paternopoli, nella persona del sindaco, All'amministrazione Provinciale di Avellino, nella persona del consigliere locale, alla LVA, nella persona dell'amministratore.
È troppo evidente il significato educuivo che tale esperienza ha assunto nei preadolescenti: la cosiddetta "educazione amhienale"è stata realizzata de facto e senza aggiunta di altri discorsi, in quanto gli alunni sono stati con naturalezza capaci di interpretare sul campo le regole dei rapporti interpersonali dei nostri progenitori ed imparare a costruire con chiarezza efficacia il ricordo col passato. Tutto ciò ha significato per loro dilatare l'area della propria libertà e fondare correttamente la propria dignità di uomini e di cittadini.

Raffaele Natale, Dirigente Scolastico